il mio contatore della luce
il mio contatore della luce

'progettare voce del verbo amare' diventa la sua filosofia di vita. raccoglie le tracce del suo percorso, si riempie le tasche di oggetti, la testa di intuizioni, le mani di segni... e continua a camminare, lontano da bizzuno. porta con sé una lampadina, un cacciavite, un suo salame, l'aglio e il quaderno di scuola, quello del primo giorno, ancora bianco, silenzioso, ma pronto a raccogliere i suoi pensieri. riempie pagine e pagine di racconti, non sempre scritti, ma fatti di lavoro e di pratica, di parole tramandate e ricordate, come quelle del nonno... e ancora foto, volti e idee. raccoglie tutto in un libro per progettisti, per mario progettista, 'For m'. diventa un altro strumento di lavoro, da tenere sotto il braccio, bianco e materico, come un mattone indispensabile per la costruzione di un buon progetto di luce. ama condividere tutto questo con il suo staff, confrontarsi, ricercare, evolvere e insegnare, vedere che le sue parole possono materializzarsi nei gesti dei ragazzi, sentire che i loro pensieri possono diventare oggetti, capire che i suoi sogni cresceranno con i loro. e con il libro in mano continua a camminare.

[...continua...]
mario nanni progettista