il caos della luce

 

2010 metallo e luce.

 

il segno dal caos: la luce interpreta il reale e diventa l’unica forma, libera e codificata al contempo, in grado di dare un ordine alle cose, un significato. tracce di luce su profili alle pareti: piccoli punti e segni di luce si muovono sempre più velocemente, sempre più caoticamente lungo le tracce e creano un percorso di luci e di ombre, confondendo, incantando e seducendo lo spettatore, non più in grado di capire cosa è falso e cosa reale. la luce diventa il possibile. la materializzazione del sogno e il modo per vedere le cose.

mario nanni progettista