la luce che ho in mente nella galleria b della triennale di milano, racconta il pensiero progettuale di mario nanni e sviluppa la sua ricerca continua e talvolta estrema della luce giusta. gli strumenti che raccontano il suo pensiero sono il fuoco, la lampadina a incandescenza, la lampadina a immagini variabili. il retroscena di un teatro definisce l'ingresso in maniera singolare. la stanza della liv, la stanza del pittore, la stanza nera, la stanza bianca, fino ad arrivare al corridoio dalle grandi pareti inclinate dove la pioggia di lettere bagna gli ombrelli bianchi dei visitatori.

[...continua...]
mario nanni progettista